#CopertinaMisteriosa

Tra qualche tempo pubblicheremo un romanzo molto divertente, ma – come spesso accade qui su Mr Earbrass – questo post non ha tanto a che fare con il suo contenuto, quanto con la sua copertina. Già, perché sulla copertina del suddetto romanzo ci sarà un’opera di un artista molto particolare, uno di quelli che forse non vi aspettereste di trovare su un libro Adelphi.
E quindi, nell’attesa di svelare di chi si tratta, giochiamo un po': provate a indovinare chi potrebbe essere, pescando un po’ da tutti gli ambiti artistici (street art, arte “tradizionale”, fumetto, ecc.)
Finora sono stati nominati Banksy, Walt Disney, Roy Lichtenstein, Hugo Pratt, Rabarama, Jeff Koons, Blu, Olimpia Zagnoli, Andy Warhol, Keith Haring, Milo Manara, Arno Breker, Jackson Pollock, Gipi, Umberto Boccioni.
Potete rispondere nei commenti a questo post, o su twitter usando l’hashtag #CopertinaMisteriosa.
Il primo che indovina si porta a casa una copia omaggio.
A voi.

Update del 28 febbraio.
Avete fatto molti nomi, alcuni dei quali davvero interessanti. E tra tutti c’era anche quello giusto, quindi possiamo ufficializzarlo: l’autore della copertina misteriosa è Mr Robert Crumb.

Karoo

Coralie

Dopo Jessica Hische, un’altra signora delle copertine. Coralie Bickford-Smith è una designer audace e fortunata: audace perché nella sua carriera ha affrontato quasi sempre i grandi classici, con moltissimo rispetto ma nessun timore reverenziale; fortunata perché il suo principale committente, Penguin, ha nella propria job description l’idea di cambiare radicalmente, a intervalli regolari, l’aspetto delle sue collane più importanti. A Coralie è stato così chiesto di immaginare un vestito nuovo per autori come Austen, Dickens e Stevenson. Tutti tipetti coriacei, peraltro, che da collezioni molto diverse sembrano (quasi) sempre uscire indenni. Se non addirittura imbelliti, come stavolta.

Just our type

Se si tratta di smontare e rimontare immagini – o immaginari – nessuno batte Chip. Ma se la missione è giocare con lettere e caratteri, il fuoriclasse è David. Arrivato a Penguin nel 2002 (come e da dove, ve lo spiega lui all’inizio del video, e almeno quella scheggia vi consigliamo di vederla), Pearson si ritrova sul tavolo uno di quei compiti che sulla carta sono il sogno di qualsiasi art director, ma nella realtà quasi sempre diventano il suo incubo: progettare un’intera collana di testi brevi, redatti da autori tanto imponenti quanto difficilmente commerciabili (Darwin, Thomas Paine, Lenin, tipetti così). Tanto per alleggerire il tutto, la collana si chiamava (e si chiama) Great Ideas, titolo che scoraggiava a priori l’utilizzo delle immagini. E infatti Pearson ha scelto una strada completamente diversa, mostrando a quale mirabolante uso la tipografia si possa prestare, e che valore aggiunto possano essere il colore e le impressioni. Qui racconta questa storia dall’inizio a oggi, approfittandone per ripercorrere tutte le fasi più importanti nella lunga storia della grafica Penguin – che rimane, a ragione, una delle più iconiche al mondo, oltre che una delle più ossessivamente imitate.

Chip e il futuro del libro

Ascoltare Chip Kidd è sempre – quantomeno – divertente. Da più di vent’anni Chip è l’art director di Knopf, e a lui si devono molte delle copertine più sorprendenti degli ultimi due decenni (per quanto ci riguarda, gli abbiamo rubato quella di Zio Tungsteno). Ma Chip è anche un editor e un autore  – la sua autobiografia attraverso le copertine, Book One, è oggetto di un culto quasi fanatico -, oltre che il leader di una sua band. Come si dice correntemente di lui, è la miglior approssimazione possibile a una rockstar che l’editoria attuale possa offrire (la concorrenza un po’ latita, se vogliamo essere franchi, ma non importa). Qui Chip chiacchiera per una ventina di minuti con Jian Gomeshi, del suo mestiere e di un tema – l’avvento del digitale – a proposito del quale le opinioni tendono a scadere nel momento stesso in cui vengono espresse. Solo che per fortuna Chipp non ha opinioni: ha gesti di stizza, smorfie, e spesso battutacce. E racconta un sacco di storie. C’è chi lo ama e chi lo detesta, ma non dobbiamo dirvi in quale dei due partiti militiamo. Signore e signori, Chipp Kidd.

Nabokov, a proposito di copertine

Abbiamo già dato conto del concorso per una nuova copertina di Lolita, che si può svolgere serenamente anche grazie alla forzata assenza dell’interessato. Il quale non era affatto indifferente alla questione, e sulle copertine dei suoi libri,  in particolare su  quella di Lolita, si è pronunciato almeno una volta in pubblico: e in giacca da camera.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 48.226 follower