Un concorso per Lolita

Si può misurare il lavoro di un editore? In forme certificate ovviamente no. Però in via indiretta è possibile farsene almeno un’idea. Ad esempio, grazie a questa serie di nuove copertine per Lolita commissionate a sessanta designer internazionali da John Bertram, che manda avanti un blog molto vivace, Venus Febriculosa. A giugno il concorso di Bertram diventerà un libro, ma intanto il dibattito sull’iniziativa ferve in vari luoghi, a cominciare da un altro blog specializzato, Jacket Mechanical, e da siti che non richiedono presentazioni come Imprint e Salon. In tutti questi luoghi si discute perlopiù del rapporto fra immagine e morale, una questione non risolvibile da cui vorremmo deviare  mostrandovi alcune delle copertine in questione. Attraenti o infelici che siano,  hanno tutte un carattere comune: sono puramente virtuali, mancanti cioè del qualcosa che fa, di un’immagine anche bella, una copertina. E che sarebbe il risultato – a sua volta attraente o infelice – del lavoro di cui sopra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 37.800 follower